Pagine

domenica 18 novembre 2012

Quattro soli a motore

E' facile, relativamente, parlare di un libro di un autore affermato quanto è difficile parlare dell'esatto opposto. Una parola fuori misura può nuocere gravemente alla salute dello scrittore. Il soggetto in questione è Nicola Pezzoli, di cui ho recensito anche il primo libro.
Già prima di leggerlo sapevo cosa mi sarebbe aspettato, ancor prima di leggere la quarta di copertina, mi è bastato leggere qualche anticipazione per sapere dove Pezzoli andava a parare. E già dall'inizio mi era passato per la mente un titolo. Anzi due, Un'estate incantata di Ray Bradbury (calma, mantenere i piedi ben saldi a terra) e uno più sconosciuto (forse) Rifugio di Monte Merrik. Non so se al Pezzoli questi due richiami faranno piacere o meno, forse preferiva un Charles Bukowski ma, non essendo quest'ultimo tra i miei autori preferiti, non mi è possibile.
Non tutti hanno un Corradino, e se volete sapere chi è compratevi il libro, nascosto nell'anima, e chi non lo ha non sa cosa si perde. Come non tutti hanno avuto la villa abbandonata o la casa con i fantasmi, la buca, o il bidone di merda per fare il concime (da noi si chiamava stabbio) o il bosco buio e tenebroso da esplorare. Come non hanno avuto uno zio ... o uno dei tanti personaggi che si affollano nelle pagine del libro. Ma forse sto già dicendo troppo. Forse non dovrei nemmeno dire che chi viene dalla campagna si troverà avvantaggiato rispetto ai lettori di città perché ritroverà una parte di se stesso dormiente e che Pezzoli risveglia per farci sorridere e qualche volta proprio ridere di gusto.
Un libro di formazione a tinte noir, come detto nella presentazione? Forse sì ma più che altro un bel libro da leggere. E se una pecca ci si può trovare è che scorre troppo velocemente perché non annoia. Il tutto scorre liscio come l'olio, o meglio si scivola tra le pagine come se si fossero messi i piedi nella merda, la bèa merda della signora Beatrice. Puzza, sporca ma porta fortuna.  E, se vi siete fidati di me, buona lettura.



Nicola Pezzoli
Quattro soli a motore
Neo
15€

3 commenti:

il monticiano ha detto...

Ed hai perfettamente ragione.
Io non avrei mai e poi mai saputo scrivere una intelligente recensione come hai fatto tu.

Ernest ha detto...

Gran bella recensione! Sto leggendo il libro grande Zio!

Cri ha detto...

Sono arrivata a pagina ottantatrè. Ottantatrè pagine lette tutte d'un fiato stamattina.
Ho una frustrazione che lèvati. Per quanto è scritto bene :)